Bakker Restaurant

Nato in collaborazione con l’architetto Sliman Darawshi é il racconto di un viaggio emozionale quello narrato dal ristorante Bakker, un elegante gioco di equilibri tra memoria e nuove contaminazioni, tra rigore e poesia, atmosfere mediterranee e tratti metropolitani.

Un luogo dalla forte identità, ritratto dei due giovani proprietari di origine palestinese e della loro cucina che unisce sapori della memoria a nuove tecniche di preparazione delle carni e alla grande tradizione della viticultura italiana.

Lo spazio è stato diviso in una sequenza di sale delimitate da pannelli fissi, rivestiti da wallcovering con illustrazioni ispirate ai palmeti delle oasi reinterpretate in chiave contemporanea, per inventare spazi più intimi. Le pareti perimetrali giocano un ruolo importante come sfondo, decorate da un motivo a righe ottenuto dalla lavorazione dell’intonaco a rappresentare i filari dei vigneti.

La sensazione di essere immersi totalmente nella natura, sotto un soffitto modellato a tronchi di piramide, segno architettonico forte, voluto per marcare gli ambienti e richiamare antiche tradizioni costruttive. Al vertici sono posizionate iconiche lampade in ottone spazzolato e vetro soffiato che diffondono scenari di luce diffusa, leggere strutture in equilibrio come rami dove poggiano piccoli uccelli luminosi, segni grafici precisi e allo stesso tempo ricercati.

Appena entrati si trova lo spazio dell’accoglienza e della condivisione. Un bancone bar che abbina la lucentezza dell’ottone alla matericità del marmo di Carrara e un lungo tavolo in massello dove associare al piacere del gusto il piacere della relazione. Sulla sinistra la sala dello showcooking: qui è possibile cenare mentre si assiste all’arte della griglia, messa in scena in una struttura dedicata. Uno spesso ordito in ferro crudo e vetro per rimarcare con decisione il gesto ruvido delle preparazioni. Dal lato opposto, un ambiente più riservato si accompagna ad una piccola cantina dei vini il cui pregio è subito dichiarato dal color oro dell’ottone lucido, materiale scelto per l’espositore delle bottiglie.

LuogoMilano viale Romagna 58
Categoria
Luxury
Ristoranti